Cose nuove

Il mio corpo funziona in maniera strana. Durante tutto l’arco della giornata vivo in uno stato di catalessi e di inutilità al genere umano, mentre la notte la mia scatola cranica si anima come il carnevale di Rio. Comunque sia, dopo essere tornata da tre settimane della serie “ritorno alle origini” a dir poco discutibili, ho trovato l’ispirazione stanotte per scrivere un pochino e aggiornarvi sugli ultimi sviluppi.

Vi dico una cosa. È inutile che io provi a fare la spavalda e ad ostentare sicurezza, io avrò sempre paura delle novità, nonostante sia sempre in cerca di esse. Quest’anno la più grande novità in assoluto sarà l’università, un’ombra gigante che incombe sulla mia testa specialmente in questi ultimi giorni, complice del fatto che siamo giunti al 31 agosto in un batter d’occhio. “Avere paura è normale”, mi dico. L’università è una nuova avventura tutta da vivere, sono adulta ormai, ciò che faccio dipende solo da me, questo è il mio trampolino di lancio verso quella tanto agognata tappa della vita chiamata LAVORO. L’unica cosa che mi chiedo è: smetterò mai di avere paura delle novità? Diciamo le cose come stanno. Le novità sono ciò che mettono in moto la nostra vita. I cambiamenti sono ciò che permettono all’uomo di non fossilizzarsi nella propria condizione di staticità trasformandosi in una ameba, la chiave di lettura sta nel modo in cui l’uomo li accoglie. Allo stesso tempo però le novità, per quanto possiedano questo grande vantaggio, hanno anche una caratteristica di ignoto e ciò ovviamente può fare paura, è pur sempre un bel salto nel vuoto, che diamine. Quando allora dico: “ho l’ansia”, non pensate che sia una mia condizione patologica/esistenziale (oddio, magari anche no) ma vedetela come una condizione emotiva naturale dovuta a ciò che dovrò affrontare nei prossimi giorni. Spero comunque di lasciarmi alle spalle un po’ di quella “paura” che mi trascino sempre addosso e di affrontare questo nuovo percorso della mia vita con curiosità, speranza, ottimismo, motivazione e anche una buona dose di ambizione, che non fa mai male. 

L’università per me non è soltanto una nuova tappa ma è anche una sorta di riscatto dalla mia precedente esperienza, che mi ha fatto capire come davvero avrei dovuto affrontare un nuovo contesto, ma siccome il passato è passato preferisco guardare avanti e fare del mio meglio per non ripetere gli stessi errori, perché si sa, non c’è cosa peggiore che commettere gli stessi errori due volte, ma siccome “repetita iuvant” non si sa mai. (Scherzo 😂)
Alessia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...